News
Ritorno al crimine (settembre 21, 2021 4:44 pm)
Caveman – il Gigante nascosto (settembre 20, 2021 3:21 pm)
Qui rido io (settembre 18, 2021 10:01 am)
The Chair – La Direttrice (settembre 12, 2021 9:12 am)
Ariaferma (settembre 11, 2021 8:37 am)
Madres Paralelas di Pedro Almodóvar (settembre 8, 2021 6:09 pm)
Les Olympiades (Paris 13th District) (settembre 6, 2021 5:50 pm)
La Casa di Carta: 5ª stagione (parte 1) (settembre 4, 2021 7:47 pm)

Dalì a Matera: la persistenza degli opposti

20 Marzo 2019
3.808 Views
di Eleonora Attolico

La rigidezza dei Sassi di Matera e gli orologi molli di Salvador Dalì (1904-1989). La cittadina della Basilicata è un luogo senza tempo abitato sin dalla preistoria che si armonizza perfettamente con le opere visionarie dell’artista spagnolo-catalano. L’esposizione “Salvador Dalì- La persistenza degli Opposti” è una delle iniziative più interessanti legate alla nomina di Matera Capitale europea della cultura. Si potrà visitare fino a 30 novembre 2019 nel Complesso Rupestre di Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. Inoltre alcune sculture si incontrano lungo le strade e nelle piazze del centro storico.

L’idea è venuta a Beniamino Levi, presidente di Dalì Universe, una società creata in onore del genio che gestisce una delle più grandi collezioni private al mondo. È conscio dell’unicità dell’iniziativa e in conferenza stampa aveva dichiarato: “Riuscire ad introdurlo in questi spazi surreali è stata una fortuna che non avevamo nemmeno immaginato”. Sono duecento le opere esposte tra sculture in bronzo, oggetti in vetro, sedie, tavoli, lampade, libri e illustrazioni. Un mondo permeato dalla psicoanalisi di Sigmund Freud che nel 1938, incontrandolo a Londra, scrisse in una lettera all’amico Stefan Zweig che li aveva presentati: “Ti ringrazio per avermi fatto conoscere il giovane spagnolo dagli occhi candidi e fanatici”.

Il percorso di Matera è stato ideato per rappresentare i dualismi concettuali del suo pensiero surrealista e non solo. Tra razionale e irrazionale. La mostra è divisa in quattro temi: il Tempo, gli Involucri, la Religione e le Metamorfosi.

Cominciamo dal Tempo che Salvador Dalì vede come costante-incostante nella sua mollezza. La relatività permea ogni cosa, porta con sé la paura della morte, del passare dei giorni e le ansie dell’uomo. Dalì tramite il metodo paranoico-critico scandagliava l’agitazione dell’inconscio.  Passiamo agli Involucri. Era convinto che gli individui si costruiscano delle difese protettive dure (nel suo caso i baffi, i sorrisi, le frasi stravaganti ecc…). Queste protezioni si erigono intorno alla psiche che invece è morbida e vulnerabile.

Terzo tema: la Religione. Ha avuto un ruolo importante dagli anni Cinquanta in poi. L’artista aveva sviluppato  la mistica nucleare dopo l’esplosione dell’atomica nel ’45. Iniziò a reinterpretare figure religiose attraverso concetti scientifici  e giochi spaziali. Infine parlando di Metamorfosi si parla della sovrapposizione di due universi: quello della realtà pura, atavica e geologica e quello della coerenza del mondo onirico. Una roccia si trasforma in un gallo o in un cammello.

Salvador Dalì, Donna in Fiamme, 1980

Non andate via prima di aver osservato la scultura in bronzo intitolata  “Donna in Fiamme”.  Il fuoco rappresenta la passione  e simboleggia il desiderio femminile. I cassetti del corpo sono la memoria inconscia. Racchiudono i segreti della donna, la sua sensualità. Un’opera importante che conferisce a Matera un passaporto da città dell’arte internazionale. Non a caso è stata esposta a Parigi in place Vendôme,  al Time Warner Center di New York e su Rodeo Drive a Beverly Hills. Luoghi che, per quanto famosi, mai potranno essere paragonati al mistero dei Sassi.

Lascia un commento