News
Noemi Stucchi (novembre 8, 2019 9:09 am)
GIBOT: la boutique che non ti aspetti (novembre 5, 2019 6:52 am)
Intervista al soprano Barbara Massaro (novembre 4, 2019 10:27 am)
Martin Eden (novembre 4, 2019 10:27 am)
Intervista ad Andrea Zucchi (novembre 4, 2019 10:24 am)
Cerdini e Quenardel: Gelato e Champagne (novembre 4, 2019 10:23 am)
FuturDome (novembre 4, 2019 10:20 am)

After: “dopo di lui niente è stato più come prima”

10 Giugno 2019
248 Views
di Marta Dore

Tessa (Josephine Langford) è una ragazza bella, brava e buona, come tutte le fanciulle acqua e sapone. Ha un fidanzato storico, se si può parlare in termini storici di una 18enne, che la ama e la rispetta, e ha una mamma che l’ha cresciuta da sola e che investe su di lei ogni ambizione. Seria e impegnata a scuola, fa il suo ingresso al college lontano da casa determinata a non deludere le aspettative materne e nemmeno quelle del suo ragazzo: appassionata di letteratura, è però pronta ad affrontare studi economici per poter raggiungere in fretta una certa solidità finanziaria ed è convinta che resterà per sempre fedele al fidanzato che le è stato vicino fin da quando, bambina, è stata abbandonata dal padre.

La vita però non va mai come pensiamo e programmiamo, specialmente a 18 anni. Tessa infatti si ritrova a condividere la stanza con una ragazza più grande, navigata e trasgressiva, con amici che si divertono a provocare la nuova arrivata e la sua aurea di fanciulla innocente. Come nella miglior tradizione dei film per teenager, sarà proprio in quel gruppo di duri e tenebrosi che Tessa incontrerà il ragazzo che trasformerà la sua vita: il titolo del film, “After”, vuol proprio dire “dopo di lui niente è stato più come prima”.

Hardin Scott (Hero Fiennes Tiffin) è, infatti, il ragazzo più carino e problematico della compagnia, misterioso, affascinante e oltretutto di origine inglese: il classico personaggio che, dai tempi di “Grease” in poi, ma anche dalle pagine di “Orgoglio e Pregiudizio” in avanti, farebbe innamorare qualsiasi teenager dotata di ormoni e cervello. Tessa non ha scampo. Ma nemmeno Hardin, che sotto la scorza da duro nasconde un cuore bisognoso di tenerezza. La storia d’amore che nasce tra loro e si sviluppa lungo il film è una storia di autoscoperta: Tessa prenderà atto di ciò che realmente desidera, della sua più genuina identità dotata anche di una forte componente sensuale fino ad allora del tutto negata, Hardin scoprirà che si può anche correre il rischio di amare ed essere amati.

La storia del film è tratta dall’omonimo best seller di Ann Todd che è diventato un grande successo editoriale dopo essere apparso come fan fiction su Wattpad, la piattaforma online di narrazione condivisa, e la stessa Todd ha partecipato alla produzione del film.

Ciò che commuove del film è lo stesso per le spettatrici teen e quelle 50enni: le prime possono facilmente immedesimarsi nei tormenti, nei dubbi, nelle paure, nei desideri rimossi della dolce Tessa, le seconde ritrovano emozioni vissute che nel tempo avevano dimenticato.
“After” ha un punto di vista decisamente femminile e alle giovani ragazze si rivolge: del resto la squadra che lo ha realizzato è tutta rosa, a cominciare dalla regista Jenny Gage, che ha sceneggiato il primo dei cinque romanzi della saga insieme alla stessa Todd, ma anche a Susan McMartin e Tamara Chestna, e la produttrice Jennifer Gigbot. Montaggio, costumi, supervisione musicale, casting sono tutti affidati a professioniste.

Il film è molto ben confezionato: le immagini sono patinate quanto basta e girate con cura, gli attori sono bravi e intensi considerata anche la giovane età. Non entrerà nella storia del cinema, ma “After” garantisce due ore di emozioni vive o rivissute – secondo le età di chi lo guarda – ed è già abbastanza.

Lascia un commento