AUTOPROGETTAZIONE. Istruzioni d’artista per realizzare un’opera d’arte a casa propria

Un progetto a cura di
Toni Merola, Nicola Pellegrini e Bianca Trevisan
Promosso e sostenuto da
Galleria Milano
In collaborazione con
Maria Chiara Salvanelli Press Office & Communication
di Noemi Stucchi

Nel 1974 Enzo Mari presentava alla Galleria Milano Proposta per un’autoprogettazione regalando al pubblico la possibilità di cimentarsi nella realizzazione di una serie di progetti di design concepiti dall’artista: una ventina di oggetti d’arredo come tavoli, sedie e armadi. Come si legge nel catalogo, si tratta di «un progetto per la realizzazione di mobili con semplici assemblaggi di tavole grezze e chiodi da parte di chi li utilizzerà. Una tecnica elementare perché ognuno possa porsi di fronte alla produzione attuale con capacità critica».

Lo scopo è sociale. La realizzazione autonoma consente di sottrarsi ai meccanismi di produzione e di riflettere sul valore degli oggetti  attraverso la riscoperta della propria capacità manuale.
Il progetto e la fase esecutiva sono indissolubilmente legati tra loro. La realizzazione lascia sempre un margine di interpretazione, ogni volta è unica e irripetibile.
Così Enzo Mari lascia l’indirizzo del suo studio invitando a spedire le foto delle proprie realizzazioni.

Pierpaolo Lista, Io resto a casa (2020)

Con riferimento all’opera di Enzo Mari, Galleria Milano è lieta di annunciare “AUTOPROGETTAZIONE”, un nuovo progetto a cura di Toni Merola, Nicola Pellegrini e Bianca Trevisan.

«Oltre settanta artisti e un’idea semplice quanto efficace: creare un’opera d’arte che sia riproducibile da tutti nelle proprie case».

Il progetto vede la partecipazione di numerosi artisti, ognuno dei quali mette a disposizione una serie di istruzioni per poter realizzare un’opera d’arte con materiali comuni e facilmente reperibili all’interno delle mura domestiche.

In questi tempi difficili «nella nostra casa riscopriamo la necessità del saper fare, del realizzare autonomamente ciò che ci è necessario» e l’invito all’autoprogettazione «racchiude in sé, quindi, una doppia possibilità: creare un’opera autonomamente e, attraverso l’arte, auto(ri)progettare la propria esistenza» (comunicato stampa).

Meri Gorni, Per un tempo casalingo(2020)

Attraverso un’open call, “Autoprogettazione” invita alla partecipazione e alla condivisione delle foto delle proprie realizzazioni attraverso piattaforme digitali. L’idea è quella di un’opera aperta alla libera reinterpretazione.

Tra le sculture iperrealistiche di Lorenzo Scotto e le parole emotive di Cesare Viel, si può provare a riprogettare un istante della propria esistenza come suggerito da Alterazioni video. Si può giocare al finto gioco di Gianluca Codeghini, incollare i ritagli di Monica Bonvicini, costruire un quaderno o una lanterna con Meri Gorni e Diego Randazzo. Si può assemblare una macchina da disegno con le istruzioni di Patrick Tabarelli, fare esperimenti sul tempo con Pierluigi Fresia o bere il cocktail di Giancarlo Norese. Chiara Pergola propone un particolare autoritratto allo specchio mentre Marianne Heier ci invita ad assumere una posa statuaria.
Questi sono solo alcuni dei tanti progetti messi a disposizione dagli artisti al sito ufficiale autoprogettazione.com e sulla pagina Instagram @autoprogettazione.

Monica Bonvicini, Legscutout, Collage e pigmentti stampati su carta, 61-x-90-cm

Il progetto prende forma dalla partecipazione collettiva, è in costante aggiornamento e cresce ogni giorno.
L’invito è di condividere le foto su Instagram:
tag: @autoprogettazione e @galleria.milano
hashtag:  #autoprogettazione #galleriamilano #iorestoacasa #laculturanonsiferma.
Per chi non fosse iscritto al canale social, le immagini possono essere inviare all’indirizzo mail: autoprogettazione2020@gmail.com.

Info e contatti:
Email: autoprogettazione2020@gmail.com
Website: autoprogettazione.com  
Instagram: @autoprogettazione
Galleria Milano
galleriamilano.com
email: info@galleriamilano.com
Instagram: @galleria.milano
Ufficio stampa
Maria Chiara Salvanelli Press Office & Communication
mariachiara@salvanelli.it

Lascia un commento