“Enrico Piaggio. Un sogno italiano” il punto di vista dello spettatore

15 Aprile 2021
92 Views
di Miki Solbiati e Noemi Stucchi

La Vespa e l’Ape Car. Se chiudessimo gli occhi riusciremmo a vederle. Magari ci ricordano qualcuno e sono stati nei nostri garage. Chissà quanti passaggi strappati e quante coppie sono salite sulla stessa Vespa…

Enrico Piaggio. Un sogno italiano” è un film del 2019 realizzato in coproduzione con Rai Fiction e Moviheart per la regia di Umberto Marino. Storicamente vero e adattato per la televisione, ha un forte impatto sul pubblico perché racconta le vicende di un imprenditore come Enrico Piaggio (Alessio Boni) che con la sua visionarietà e determinazione riesce a reinventarsi per non far perdere il lavoro a 12 mila operai in un contesto come quello della Seconda Guerra Mondiale. È il racconto anche di un uomo tutto d’un pezzo e dei suoi sogni.

Enrico Piaggio. Un sogno italiano” è anche la storia d’amore e di aiuto reciproco tra il protagonista Enrico Piaggio e Paola Bechi Luserna (Enrica Pintore). È una buona relazione che porta a una serie di azioni positive, mentre l’amore cattivo di una passata fiamma (Livia Rivelli interpretata da Violante Placido) viene come da lui “scacciata”.

Foto credits: Ni.Co. S.r.l.s.

Ben riuscita l’interpretazione di Alessio Boni e il personaggio della moglie buona (Enrica Pintore) e non si può non provare simpatia per Suso (Beatrice Granno’), l’assistente intrepida e tuttofare.

L’abbigliamento del dopoguerra è molto curato, gli abiti femminili sembrano tutti sartoriali (probabilmente lo sono), in linea con i modelli del tempo e riportano i ricordi di un’altra epoca.

Il film fa vedere cosa c’è dietro al successo di questi mezzi iconici che hanno segnato una generazione rilanciando l’immagine dell’Italia nel mondo.

Soprattutto in questo momento, riguardare il film oggi infonde un forte messaggio di speranza.
La Vespa racconta qualcosa della nostra Italia, delle persone che si sono rimboccate le maniche per ricostruirla. C’è anche l’atmosfera di Cinecittà con Vacanze Romane, del Design italiano e della creatività che contraddistingue da sempre il motore del Made in Italy.

Lascia un commento