News
Beppe Modenese (novembre 23, 2020 9:17 am)
Mare fuori (novembre 8, 2020 2:10 pm)
Volevo nascondermi (novembre 5, 2020 3:25 pm)
Padrenostro (novembre 5, 2020 3:25 pm)
Uberto Pasolini, “Nowhere Special” (ottobre 16, 2020 11:51 am)
Lasciami andare (ottobre 16, 2020 11:50 am)

Il punto di vista dello spettatore: “È per il tuo bene”

1 Settembre 2020
733 Views
di Miki Solbiati

Quale può essere il peggior incubo di un padre apprensivo se non vedere la propria figlia innamorata della persona sbagliata? È uno dei peggiori incubi che può capitare a un padre! Nel film È per il tuo bene padri e figlie sono addirittura tre.

Credendo di salvaguardare le proprie figlie da una relazione pericolosa, i tre sono pronti a fare qualsiasi cosa. Il trio Salemme, Battiston e Giallini nelle vesti di tre padri maldestri sono protagonisti di gag esilaranti, asse portante del film. Con un piano rocambolesco cercheranno di far fuori i malcapitati partners anche a costo di scontrarsi con le proprie mogli.
Ad essere messe in crisi così non sono solo le relazioni delle figlie… ma di tutta la famiglia. In verità agiranno prima di tutto per se stessi, e lo scopriranno a spese della felicità delle proprie figlie.

Si ride della goffaggine del trio, dell’incapacità di rivestire il ruolo genitoriale e delle imprese mal riuscite. Il finale è benevolo, con un tutto è bene quel che finisce bene.

Fantastica la coppia Claudia Pandolfi e Giuseppe Battiston, tra lui che rompe tutto e lei che rimette insieme i pezzi. Marco Giallini è sornione e spontaneo, protagonista indiscusso e motore trainante delle marachelle del trio.

 

Lascia un commento