News
Stranger Things 4 Prima parte (Giugno 30, 2022 2:29 pm)
Marcel! (Giugno 28, 2022 8:22 pm)
Hill of Vision (Giugno 25, 2022 5:30 pm)
Intervista a Sebastiano Zanolli (Giugno 24, 2022 9:11 am)
Guerra o pace (Giugno 21, 2022 10:43 am)
My Rembrandt (Giugno 17, 2022 1:35 pm)
Power of Rome (Giugno 17, 2022 1:24 pm)
Buongiorno, notte (Giugno 12, 2022 2:42 pm)
Nostalgia (Giugno 2, 2022 1:42 pm)

Alice for Children

13 Novembre 2017
1.439 Views
a cura di Ilaria Mozzambani

Musica in Kenya

Twins International, è un associazione onlus non governativa, italiana, apolitica e aconfessionale fondata 10 anni fa da Diego Masi e da sua moglie Daria che sviluppa i progetti di Alice for Children in Kenya, dove si occupa soprattutto di bambini orfani e disagiati delle baraccopoli di Nairobi e della zona rurale di Rombo, ai piedi del Kilimanjaro.

I progetti Alice for Children sostengono oltre 2.500 bambini che vivono in condizioni di estrema povertà, senza accesso all’acqua potabile e senza elettricità, hanno l’obbiettivo di garantire un’adeguata alimentazione e di dare la possibilità a un numero sempre maggiore di bambini orfani di accedere all’istruzione scolastica, a corsi di formazione professionale e universitari; particolare attenzione è data alla lotta all’HIV/AIDS, assicurando soprattutto cure medico sanitarie, e cercando di offrire un percorso di studi valido, in grado condurre i giovani studenti fuori dalle baraccopoli, lontani dalla criminalità e dalla disoccupazione.

L’ Associazione, che opera dal 2007 è diventata un punto di riferimento per i bambini e gli adolescenti fragili delle baraccopoli di Nairobi, , la capitale del Kenya, i cui 5 milioni e mezzo di abitanti contano 3 milioni di persone che vivono nelle baraccopoli, in case di lamiera, senza accesso a servizi igienici, acqua potabile ed elettricità. In città sorge anche la discarica a cielo aperto di Dandora, tra le più estese d’Africa, oltre 2,5 chilometri quadrati nella periferia di Nairobi dove lavorano circa 10.000 persone e di questi, 6000 sono bambini che rischiano quotidianamente di contrarre AIDS e tubercolosi, soffrono di malnutrizione e maltrattamenti.

Per questi bambini nasce il progetto Alice for Dandora, un’iniziativa a 360 gradi che vuole attraverso l’educazione scolastica, l’educazione informale, l’alimentazione, cure mediche e assistenza sociale dare un futuro ai bambini della zona, una delle più degradate della città.

Dal 2013 a oggi:

140 bambini sono stati soccorsi, inseriti a scuola e allontanati dal lavoro in discarica

185.000 pasti vengono distribuiti ogni anno

70 famiglie sono supportate nel sostegno alimentare

30 mamme hanno raggiunto l’autonomia grazie al programma di microcredito

90 bambini frequentano i nostri corsi di musica con continuità ed alcuni di loro sono stati inseriti alla Safaricom Orchestra di Nairobi

1 refettorio/scuola di musica è stato costruito

Quest’anno inoltre nasce “Dandora’s Got Talent” che offre ai bambini lavoratori di Dandora e ai minori che vivono nelle baraccopoli nei pressi della discarica un percorso educativo e artistico seguiti e con insegnanti in grado di far emergere i loro talenti.

Questo progetto di Alice for Children realizzato con Fondazione Cariplo e Radio Italia, utilizza la musica come strumento di inclusione sociale, per contribuire allo sviluppo personale dei ragazzi, facendo esprimere la propria creatività, per aiutarli a mettere in luce le proprie qualità relazionali, essendo una collaborazione tra le varie scuole delle baraccopoli, promuove il senso di comunità in questi territori. L’Associazione ha già realizzato una scuola di musica per i bambini di Nairobi, e con questo percorso, nei prossimi mesi uno staff di insegnanti di musica e assistenti sociali individuerà i giovani talenti e li coinvolgerà in un percorso di preparazione a una sfida finale.

Una della sfide di Alice for children è proprio quella di  far studiare i giovani delle baraccopoli in modo che possano uscire dalla condizione di povertà e criminalità in cui sono nati, imparare un mestiere, costruirsi un futuro più degno.

Proprio per questo è stata avviata una nuova collaborazione con l’Istituto Carlo Porta di Milano, destinata a creare la prima Accademia di cucina italiana in Kenya.
Questo progetto si chiama Alice Italian Food Academy, e verte alle nuove esigenze del mercato del lavoro in Kenya, sempre più orientato alla ristorazione e alla ricezione turistica.
L’Istituto Carlo Porta si impegnerà ad offrire una consulenza e una presenza sul campo, a Nairobi, nell’avvio della nuova scuola di cucina dedicata alle eccellenze italiane.

Il progetto offrirà ai ragazzi diplomati nei corsi alberghieri di Nairobi la possibilità di svolgere un corso di specializzazione in cucina italiana, grazie al coinvolgimento di personale italiano qualificato, da chef e professori del Carlo Porta.
Ogni anno, oltre 60 ragazzi potranno accedere al percorso didattico Alice Italian Food Academy, seguendo lezioni e workshop tenuti direttamente da Chef italiani. Al termine di questa formazione pratica e teorica, gli aspiranti cuochi e gestori di sala saranno pronti per intraprendere il percorso di inserimento lavorativo nei migliori ristoranti del Kenya.

In questi primi dieci anni di attività di Alice for children, sono molto gli obbiettivi raggiunti grazie ai suoi programmi di scolarizzazione e sicurezza alimentare in Kenya:

3 scuole

1 scuola di musica

3 case famiglia

175 orfani ospitati nelle nostre case

109 borse di studio per le scuole secondarie e professionali

512 borse di studio per le scuole primarie

684 bambini con accesso completo alle cure mediche

20 bambini reintegrati in famiglia ogni anno.

Dandora

I progetti di Alice for Children si spingono fino a sud del Kenya, verso il confine con la Tanzania, e coinvolgono la comunità masai di Rombo attraverso il sostegno alla scuola primaria Nasipa, una struttura che offre un percorso scolastico di qualità e un pasto caldo al giorno ad oltre 600 bambini masai.

“Tanto è stato fatto in questi primi 10 anni di attività e progetti – aggiunge Masi – ma è solo l’inizio. Su scala globale 800 milioni di persone soffrono la fame a livello mondiale, nella sola Africa Subsahariana 233 milioni sono i bambini denutriti, spesso al di sotto dei 5 anni. Abbiamo davanti un sacco di lavoro da fare nei prossimi anni!”.

Con l’ aiuto dei volontari Alice for children si impegna costantemente a garantire a ogni bambino il diritto a crescere sano, istruito, a essere curato e amato in un ambiente il più possibile famigliare e all’interno della propria comunità; nelle case e scuole dell ‘Associazione offrono sostegno e un’educazione a circa 2500 bambini. Vengono distribuiti 800.000 pasti giornalieri all’anno; aperte 3 scuole primarie frequentate quotidianamente da circa 2000 bambini, due nelle baraccopoli di Korogocho e Dandora, una al confine con la Tanzania, a favore della comunità Masai di Rombo; avviati 2 villaggi – orfanotrofio nella periferia di Nairobi.

L’associazione mantiene i costi di gestione delle operazioni entro il limite del 15-20 % dei fondi raccolti, destinando l’80-85% direttamente ai progetti.

Per tutte le informazione e per aiutare Alice for children:
ufficiostampa@twinsinternational.org
www.aliceforchildren.it

Lascia un commento