News
Diabolik Ginko all’attacco! (Novembre 20, 2022 4:56 pm)
Triangle of Sadness (Novembre 19, 2022 2:37 pm)
Ritratto di Regina (Novembre 19, 2022 2:08 pm)
L’Ombra di Caravaggio (Novembre 19, 2022 1:12 pm)
Rapiniamo il Duce (Novembre 18, 2022 6:15 am)
Seven Days in Venice (Novembre 17, 2022 12:13 am)
Il Colibrì (Ottobre 27, 2022 5:26 pm)

Vicini di casa

di Arianna Di Perna

La nuova commedia con Claudio Bisio porta in scena la vita matrimoniale di una, non più giovane coppia che deve ritrovare la propria intimità.

La trama si incentra sulla vita di coppia di Giulio (Claudio Bisio) e Federica (Vittoria Puccini) ormai inesistente sia dal punto mentale che da quello fisico. Infatti, due a malapena si parlano e tra loro non c’è più un vero e proprio rapporto. Per questo Federica invita a cena Laura (Valentina Lodovini) e Salvatore (Vinicio Marchioni) i vicini di casa che al contrario sono molto attenti all’ “affinità di coppia”. Le due coppie sono molto diverse ma una cena può cambiare tutto.

Una commedia scritta e diretta da Paolo Costella porta sullo schermo la parte più intima di una coppia consolidata e sposata da anni, per scoprire e inserirsi nelle dinamiche private e sentimentali. Troviamo una storia che deve essere ribaltata e ristabilita sulle dinamiche sessuali e affettive: viene mostrato il disagio e la curiosità che portano i protagonisti a riscoprirsi a poco a poco, cambiare le proprie abitudini per affacciarsi ad un mondo nuovo per nulla scontato.
In un appartamento romano, a tavola troviamo i quattro protagonisti che si confrontano quasi come se una coppia sia fatta da due terapisti che cercano di comprendere i problemi alla base dell’altra coppia sessualmente repressa.

Vinicio Marchioni nel film dice: “Il sesso non sta nel corpo, sta qui (la testa)” come se l’atto fisico, di intesa e di amore sia un viaggio di riscoperta di sé stessi e del partner per ritrovare quell’armonia, all’inizio propria, di amore verso sé stessi e il proprio corpo che poi si dona all’altro. La coppia di Giulio e Federica ha raggiunti equilibri che hanno alla base adattamenti progressivi, contrattazioni ed accettazioni, così da far slittare la relazione coniugale verso una dimensione sessuale sfocata e non più appagante. L’ironia mette in una luce come la coppia svolga un ruolo centrale nella vita dei soggetti presi in questione dove l’unione con l’altro non è solo ricerca di piacere fisico ma anche la maniera più diretta ed efficace per trasmettere quel senso di accettazione profonda che ogni persona ricerca. Entrambi i partner si devono prendere sul serio, senza chiusure e con una sana apertura mentale, soprattutto Giulio (Claudio Bisio) non vuole arrendersi all’evidenza e schivare i problemi come se non ci fossero. Al contrario Federica (Vittoria Puccini) invece, vuole risolvere la situazione e andare oltre i suoi limiti. Grazie a Salvatore e Laura questo può essere risolto, ma anche per loro al contrario “il troppo stroppia”: sono affiatati, belli, pieni di energia e non si riconosce più la singolarità di ognuno. La loro avanzata intimità li ha portati a non riconoscersi più come un uomo e una donna, ma al contrario come una cosa sola e questo è forviante perché nella coppia bisogna completarsi e non sovrapporsi.

Il film vuole spiegare al pubblico l’importanza di accettarsi così come si è e accettare il passare del tempo: in questo senso un matrimonio duraturo porta una maggiore condivisione della vita e delle esperienze, sia dal punto di vista fisico che psicologico non precludendosi il piacere della sessualità in tutte le sue forme per viverlo in modo intenso e anche più libero; si ha più tempo e maggiore esperienza, si conosce meglio il proprio corpo, cosa piace a se stessi e all’altro per avere nuove esperienze e nuove emozioni.

Lascia un commento