Bragoon

di Noemi Stucchi

«Rain is the new sun»: il motto è semplice e efficace, lascia che piova!

Iscritta nel Registro delle Imprese di Milano tra le “Startup innovative”, Bragoon si afferma come marchio universal rainwear per tutti coloro che non si arrendono al mal tempo.

Attraverso una collezione di capi d’abbigliamento per la pioggia che riesce ad unire elevate prestazioni tecniche al design contemporaneo, Bragoon realizza indumenti waterproof pratici e funzionali in linea con una scelta imprenditoriale responsabile ed eco-sostenibile certificata “Global recycled standard”.

Realizzato in poliestere riciclato da bottiglie di plastica (RePET®), ogni capo è resinato internamente e termonastrato. Il prodotto è progettato per durare nel tempo e può essere ripiegato nella sua pratica sacca dopo ogni uso. In un’ottica no-waste senza sprechi, anche il packaging è realizzato con materiali bio-compostabili per le buste postali e scatole in cartone riciclato.

Bragoon si indossa rapidamente sopra a qualunque indumento in pochi secondi per renderli totalmente impermeabili (con cuciture termonastrate e colonna d’acqua 10.000 mm).

È un prodotto dal marchio universale dalle tre “U”: è Uni-size, Uni-fit e Uni-sex. La misura unica calza a pennello e sta bene a chiunque, senza distinzione di genere. Il brand si differenzia per diverse fantasie da poter scegliere in sintonia con il proprio modo di essere.

Nella sua fase di lancio Bragoon presenta una combinazione di prodotti: i pantaloni e le ghette Bragoon che si indossano in pochi secondi sopra vestiti e scarpe. Fantasioso e colorato, il pantalone ha un comodo tascone laterale e pratici passanti per la cintura con fibbia a scatto.

Create nelle stesse fantasie dei pantaloni, le ghette Bragoon tengono i pantaloni più aderenti alle gambe e ne completano l’outfit.

Utilizzate da sole, diventano l’accessorio pratico e fashion per proteggere dall’acqua pantaloni e calzature.

A sostegno della vitalità urbana, Bragoon si rivolge a tutti coloro che non smettono di muoversi in bici, in moto, in monopattino o a piedi nonostante le condizioni meteo.

«Noi vogliamo che, con questa consapevolezza, le persone si godano qualunque giornata di pioggia e vivano la città esattamente come farebbero in una bella giornata di sole».

Dopo tutto, la pioggia fa bene al nostro pianeta. «Let it rain»!

Con il desiderio di portare allegria nelle giornate più grigie, Bragoon introduce nel rainwear stampe e colori proponendo una scelta di motivi inediti.

Il Brand prende ispirazione dalla Swinging London come citazione di quel clima londinese giovane e moderno degli anni ’60 che balla al suono dei Beatles e dei Rolling Stones. Un’idea rivoluzionaria come le minigonne di Mary Quant e i famosi tagli dell’hairstylist Vidal Sassoon.

Da David Bowie al British style, ce ne sono per tutti i gusti:

 «ZIGGY, con la sua fantasia “rebel”, anzi “rebel rebel”, è l’ideale per vivere il ritmo della metropoli con l’idea che anche per un solo giorno si può essere “heroes”. A prescindere dal meteo. »

 

«TARTAN è nato in un paese dove piove praticamente tutti i giorni ed è riuscito, nelle sue molteplici versioni, a mettere d’accordo alta moda e punk. L’ideale per chi pensa che lo stile viene prima di tutto. Anche del temporale. »

 

«C’è una giungla là fuori. E per chi vuole indossare l’avventura, ancora prima di viverla, non c’è niente di meglio di SAVAGE, l’unica mimetizzazione fatta per essere notata, soprattutto mentre piove. »

 

«Per chi è nato per essere selvaggio, la pioggia è un buon momento per scatenare SEVENTY, con cui ogni trasferimento urbano può essere un momento di trasgressione. Purché non sia al codice stradale».

 

«FLOWERPOWER è fatto per chi si sente il sole brillare dentro in qualsiasi momento ed è tutt’uno col mondo che lo circonda, perché tutti siamo collegati. Sotto lo stesso cielo e sotto le stesse nuvole».

 

«Fatto per vivere la città e tutto quello che il karma porta quotidianamente, SHANTI trasforma tutte le intemperie in un momento Zen di pace e serenità. »

Con diversi progetti in cantiere, l’ambizione è di estendere il Brand nella produzione di giacche, mantelle, borse, cappelli, impermeabili per bambini, cerate per cani e tanto altro, fino ad addentrarsi nella produzione più tecnica per lo sport e il tempo libero come lo snowboard, la vela e l’adventure.

Ideato da tre socie e amiche:

Luisa Fachini
Creatività e Direzione Artistica

Lavora in campo artistico in diversi ambiti. Scrive racconti e articoli (ed. Il Mulino), scrive e illustra fiabe per bambini (Ass. AVES). Pubblica il romanzo “L’uomo di profilo” edizioni Albatros.
E’ Senior Art Director per l’agenzia Pirella & Goettsche Lowe dove progetta e realizza campagne pubblicitarie per vari brand. Premiata all’Art Director’s Club a Milano e New York. Cura l’immagine coordinata per vari marchi di moda e design. Progetta e realizza scenografie per spot pubblicitari e mostre.
Si occupa di arredamento di interni come consulente per la progettazione di negozi e show room.
Disegna lampade per interni e la collezione capsule di pantaloni FLU.
E’ l’ideatrice del progetto Bragoon e direttrice artistica del brand.

Simona Orsini
General Manager

Dopo una laurea con lode in Letterature Comparate presso la Boston University (Ma, USA) viaggia, vive e lavora come freelance in America e in Germania per diversi anni. Rientra in Italia per accudire una splendida famiglia allargata di quattro figli e contestualmente si affaccia al mondo della moda dove inizia la sua carriera commerciale che la vede lavorare per alcuni fra i più prestigiosi brand del lusso (Gucci, Prada, Aeffe).
Dal 2004 ricopre la posizione di Direttore Commerciale. Nel 2014, grazie all’esperienza maturata sul prodotto lusso moda, inizia la sua avventura nel mondo delle PR e Comunicazione.
Entra così in Negri Firman Pr & Communication, (Milano e NYC) come Direttore del Prodotto.
Dal gennaio 2016 ricopre il ruolo di General Manager.
Per Bragoon si occupa, del coordinamento del progetto, della parte di PR e comunicazione e dello sviluppo commerciale.

Marella Pessina
Progetto e-commerce

Laureata in Psicologia, lavora per anni nel mondo della comunicazione, scrivendo documentari d’autore, programmi TV e sceneggiature. Collabora con i canali televisivi satellitari Leonardo e Alice, per i quali realizza diversi format su arte, design e moda. E’ co-sceneggiatrice del film “Poesia che mi guardi” di Marina Spada, selezionato alla 66esima Mostra del Cinema di Venezia. Dal 2010 coniuga l’esperienza maturata nel campo della comunicazione con la cultura dell’alimentazione e passa a occuparsi di biologico per Ecomarket s.r.l. di cui diventa socia e responsabile dell’attività di vendita online www.ecomarket.bio
Per Bragoon segue la progettazione del canale di vendita online www.bragoon.com coordinando le diverse aree di sviluppo della piattaforma web.

Rimando al sito ufficiale: https://bragoon.com/

Facebook:@weareBragoon

Instagram: wearebragoon

 

Lascia un commento